01 ottobre 2016

Il potere della lista - Roxanne St. Claire

Buonasera readers!
Dopo un tempo pressocché infinito, finalmente, sono riuscita a terminare il libro della St. Claire e a scriverne la recensione, so che sembra strano. Allora un giorno ho preso l'amara decisione di portare a termine questa lettura, che non avevo mai preso veramente sul serio.

 
Roxanne St. Claire
Il potere della lista
Uscita: 12 novembre 2015 
Fabbri Editori
>> Traduzione: Cristiano Peddis
Pagine 352; Rigida 16.00 Ebook 6.99
★★

Da trent’anni, ogni anno, gli studenti della Vienna High aspettano un evento con grande trepidazione: la pubblicazione della Lista, la classifica delle ragazze più belle e popolari della scuola. Tra le dieci elette, questa volta compare anche il nome di Kenzie Summerall e lei stessa è la prima a stupirsi. Kenzie è tutto il contrario della ragazza cool: non viene invitata alle feste esclusive, non ha mai avuto un fidanzato e la sua unica passione è il latino. Tutti i compagni di scuola, poi, la ricordano soprattutto per un evento drammatico: la morte di suo fratello Conner, vittima di un tragico quanto inaspettato incidente di cui lei si sente responsabile. La Lista, però, ribalta completamente la vita di Kenzie, che comincia a riceve le attenzioni dei ragazzi – e in particolare quelle di Josh, di cui è innamorata dai tempi delle medie e che non l’ha mai filata – e strani messaggi in latino che sembrano avvertirla di un pericolo imminente. Ma la faccenda si fa davvero inquietante quando le ragazze della Lista iniziano a morire in circostanze sospette... In un crescendo di colpi di scena ed enigmi da decifrare, Kenzie si ritrova ad affrontare situazioni in bilico tra la vita e la morte, fino a scoprire una verità inaspettata che affonda le radici in un passato lontano. A metà strada tra Pretty Little Liars e Scream, Il potere della Lista è un romanzo che spiazza, sorprende e ha già sconvolto migliaia di lettori. Stai in guardia: il prossimo potresti essere tu.
Amara decisione, ahimé, quella di riprendere in mano la St. Claire; eppure è stata proprio amara come decisione, non riuscirei a trovare una parola migliore: questa è la prima che mi viene in mente, alla Palahniuk. L'anno scorso vinsi un giveaway - e anche questo potrà sembrarvi strano - e scelsi di leggere Il potere della lista. Ripreso in mano da poco, questo thriller mi lascia abbastanza perplessa, per non usare l'espressione "irritata". Si parla di una Vienna Hight, la scuola frequentata dai protagonisti della vicenda, di una Lista che racchiude, ogni anno, i nomi di dieci ragazze tra le più carine della scuola, di apparenze e conflitti, di ragazzi bellini ma imbecilli, e di ragazzi con una pessima reputazione, sempre a detta di altri. La vicenda ruota tutta intorno a questa classifica, di cui Kenzie entra a far parte sotto lo sguardo meravigliato di tutti, perfino di se stessa che, a detta sua, non se l'aspettava. C'è Josh, il classico sportivo delle scuole americane, che è bello ma non balla; c'è Levi, pessima reputazione ma attraente; c'è Kenzie, un'intelligente secchiona che quando si sente in ansia traduce il latino; c'è Molly nel ruolo della migliore amica della protaginista, la ragazza che ama il successo della classifica, anche se non si ritrova a condividerne le fette. Kenzie, attorno cui si snoda tutto, è assolutamente insopportabile nei suoi pensieri più reconditi (fin dalla prima apparizione di Levi, è come se l'attrazione di Kenzie fosse forzata, poco naturale), nella sua esaltata ingenuità (cazzo, Kenzie, se i messaggi si cancellano da soli dal tuo cellulare e poi anche da quello di Levi, ancora vuoi farmi credere che l'avete sognato? Maddai), nelle sue infinite paranoie, perpetue, infinite appunto. Sembrerà un po' duro da parte mia, ma in alcuni punti della storia mi è capitato di annoiarmi a morte, e purtroppo è successo: cioè, fin dalla trama si sapeva che "le ragazze della lista iniziano a morire", si capisce subito che c'è qualcosa sotto, che alla fine sarà svelato un mistero, eppure i personaggi, ogni santa volta, tentano di tutto per convincerti che, forse, è una maledizione. Veramente insopportabile. Alla fine, dopo trecento pagine, finalmente, viene svelato il mistero, e devo dire che anche su quello c'è qualcosina che non va, che non mi va giù (Cioè, dai, avevamo capito che c'entrava lui - e avevo capito perfino del padre di Josh), per non parlare poi del finale vero: terribile, irreale, surreale! Unico punto a favore del romanzo è la fluidità, si fa leggere e non è sintatticamente pesante. Per il resto, bhè, onestamente non lo consiglierei.

10 commenti:

  1. Ciao! E' un libro che avevo intenzione di leggere, ma il fatto che ti abbia annoiata e che il finale sia tremendo mi fa venire qualche dubbio..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria! A me non è piaciuto molto, ma sarei curiosa di sapere la tua!

      Elimina
  2. Ciao! In effetti la trama non mi aveva presa più di tanto... Purtroppo a volte ci capitano tra le mani libri che avremmo preferito lasciare sullo scaffale, ma per fortuna c'è qualcuno che li recensisce in modo da allontanare gli altri!
    Grazie quindi :)
    Ti auguro che il prossimo libro che leggerai sia bellissimo e avvincente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, hai proprio ragione. Spero di averti consigliato bene, d'altronde... ce ne sono così tanti di libri bellissimi da leggere che questo si può benissimo lasciare sullo scaffale!

      Elimina
  3. peccato! La storia mi ispirava molto.

    RispondiElimina
  4. Per fortuna almeno questa volta non devo segnare niente in wish list!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, infatti. Segna solo quelli del mega summer recap! :D

      Elimina
  5. Ciao! Mi spiace che il libro si sia rivelato così deludente! :( Lo punto da quando è uscito in lingua originale perché l'idea mi ispirava, ma alcune delle cose che hai scritto mi hanno fatto storcere il naso, soprattutto quello che hai scritto su Kenzie. Penso che lo leggerò comunque, perché sono curiosa, ma magari abbasserò un pochino le mie aspettative! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'idea era buona, inizialmente. Peccato ci siano dei tratti così adolescenziali e infantili nel protagonisti... alcune cose, che non ho detto, sono davvero irreali! Comunque fammi sapere se lo leggi, mandami una mail, sono curiosa di sapere se ero troppo prevenuta! :D

      Elimina