02 dicembre 2015

La ragazza del treno - Paula Hawkins

Buongiorno lettori.
Era già da qualche mese che sentivo parlare soltanto di questo libro, diventato un tormentone. Così decisi di comprarlo, nell'indecisione. L'ho terminato un'ora fa e ho intenzione di comunicarvi le mie sensazioni.

Cover IT
Sinossi
La vita di Rachel non è di quelle che vorresti spiare. Vive sola, non ha amici, e ogni mattina prende lo stesso treno, che la porta dalla periferia di Londra al suo grigio lavoro in città. Quel viaggio sempre uguale è il momento preferito della sua giornata. Seduta accanto al finestrino, può osservare, non vista, le case e le strade che scorrono fuori e, quando il treno si ferma puntualmente a uno stop, può spiare una coppia, un uomo e una donna senza nome che ogni mattina fanno colazione in veranda. Un appuntamento cui Rachel, nella sua solitudine, si è affezionata. Li osserva, immagina le loro vite, ha perfino dato loro un nome: per lei, sono Jess e Jason, la coppia perfetta dalla vita perfetta. Non come la sua. Ma una mattina Rachel, su quella veranda, vede qualcosa che non dovrebbe vedere. E da quel momento per lei cambia tutto. La rassicurante invenzione di Jess e Jason si sgretola, e la sua stessa vita diventerà inestricabilmente legata a quella della coppia. Ma che cos’ha visto davvero Rachel?
L'autrice
Paula Hawkins ha lavorato quindici anni come giornalista prima di dedicarsi alla scrittura. La ragazza del treno è il suo primo thriller. Venduto agli editori di tutto il mondo prima ancora dell’uscita, è stato opzionato da Dreamworks.

Cover US
"La ragazza del treno" aveva tutti i presupposti per rimanere indelebilmente nella mia memoria libresca. Purtroppo tutte le aspettative che avevo, senza dubbio troppo gonfiate, non sono state soddisfatte.

Inizialmente la trama mi colpì positivamente: il treno, la protagonista, l'acolismo... tutto lasciava intendere che mi trovavo di fronte ad un gran thriller psicologico, di quelli che piacciono tanto a me. Successivamente ebbi vari momenti di stallo, in cui non riuscivo più a rendermi conto che stavamo parlando di un evento reale. Ho trovato le reazioni dei personaggi, molte volte, forzate e quasi irreali. Cioè... era come se sapessi, in ogni momento, che si trattava di un libro. Non ho avuto la sensazione, che provo quasi sempre, di essere immersa con tutta me stessa nella storia.
Le scene in cui Rachel beveva mi annoiavano a morte, quasi mi irritavano,  sempre uguali e ridondanti, tanto da farmi pensare che la stessa scena era stata ripetuta, in modo assolutamente identico, venti pagine prima. Il rapporto tra Rachel e Scott mi incuriosiva, poi mi ha stufata anche quello: l'ho trovato scontato e fuori luogo, quasi un evento a sé, fuori dalla storia.
Mi aspettavo costantemente un colpo di scena che, ahimé, non è mai arrivato. Sono riuscita ad intuire il finale, e questo ha spezzato quel filo sottile che mi legava a questo thriller.
Le figure di Rachel, Megan e Anna non le ho trovate ben delineate: non avevo l'impressione che si trattasse di persone reali, in quanto troppo incoerenti e instabili: a volte pensavo a Rachel come a una brava ragazza che, a causa di un dramma e dell'alcol aveva perso tutto, altre volte appariva come una pazza scatenata, personalità troppo diversa dalla prima per poter risultare reale. A volte mi ispirava tenerezza, altre risultava irritante.
Ho trovato questo romanzo troppo veloce nella scena iniziale (la fantasia di Rachel sulla coppia del treno dura ben poco, troppo poco per coinvolgere il lettore), troppo lento a metà storia e troppo veloce nel finale, scontato e rivelatosi ai miei occhi già molto prima della fine.
L'unica cosa che ho trovato interessante e degna di nota riguarda Megan e il suo segreto, quello è stato un colpo di scena ben costruito e narrato. I racconti di Megan scorrevano sotto le mie dita molto più velocemente rispetto a quelli delle altre due; nonostante ciò non sono riuscita ad inquadrare bene e appieno neanche questo personaggio.
Resta da dire che, tutto sommato, è una lettura scorrevole e d'evasione; coinvolge il lettore quel tanto che basta da andare avanti per poter scoprire qualcosa in più. Una trama avvincente e originale che, tuttavia, mi lascia l'amaro in bocca.

E voi lo avete letto? Vi è piaciuto? Sono curiosissima di sapere cosa ne pensate!

Multi cover

14 commenti:

  1. Avevo intenzione di comprarlo, mi incuriosiva, ora sono meno convinto. Ma forse una possibilità glie la dò.
    Peccato però, mi aveva affascinato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppe,
      quando l'ho comprato, qualche giorno fa, avevo le tue stesse sensazioni. Mi intrigava un sacco la trama e mi incuriosiva. So che forse posso sembrarti troppo drammatica e negativa ma, essendo il genere che amo di più, mi aspettavo di meglio. Non credo ci sia bisogno di specificare che la mia è pura soggettività!
      Leggilo e poi, mi raccomando, fammi sapere! :D

      Elimina
  2. Il tuo non è il primo parere non positivo che trovo su questo romanzo ma oramai il danno è fatto, ovvero che da diverso tempo è nella mia libreria in attesa. Effettivamente avevo già l'impressione che fosse un romanzo che lascia il tempo che trova.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Amelia, quando lo avrai letto non esitare a comunicarmi le tue impressioni. Sono curiosa di sapere la tua opinione a riguardo!

      Elimina
  3. Mannaggia, ho passato l'intera estate a guardare la copertina di questo libro in ogni libreria di Milano... ad oggi non l'ho ancora comprato perché incerta sulla scelta.
    Dalla trama non mi sembra affatto male e comunque sia la tua recensione incuriosisce parecchio, ma ora sto faticando nel leggere 1Q84 di Murakami :( non vorrei azzardare con un'altra scelta faticosa.
    Magari aspetterò un po' :) nel frattempo mi complimento con te, perché hai scritto una recensione completa, senza spoiler e motivando perfettamente ciò che non hai apprezzato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima :D
      Mi piacerebbe, se volessi leggerlo, ascoltare il tuo parere. Come va la lettura Murakami? Sono curiosissima, dove sei arrivata?? :)

      Elimina
  4. Ciao! In effetti si sente così tanto parlare di questo libro che sembra quasi un obbligo leggerlo, la curiosità ci divora xD Io sono molto indecisa per ora, ho letto di gente che l'ha odiato e altri abbastanza apprezzato, ma per ora neanche una recensione entusiasta, così ho rimandato la lettura di un bel po'... xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti... sono già curiosissima di natura e ormai la copertina mi perseguitava. Per questo senza neanche leggerne la trama l'ho preso! Non dico che me ne sono pentita (mi piace comunque essere informata sui fatti, almeno adesso so di cosa stiamo parlando), però...
      Un abbraccio

      Elimina
  5. Ogni volta che si parla tanto di un libro si è sempre invogliati a leggerlo, soprattutto se viene definito un successo editoriale! Non è la prima recensione negativa che leggo, se devo essere sincera, e oramai mi è passata la voglia di leggerlo. D:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, più si tratta di un "caso editoriale", più le aspettative sono alte ed è quindi più facile deluderle. Il tutto è servito per farmi un'opnione a riguardo... :D

      Elimina
  6. Due su cinque? Oh mamma!!
    Io avevo già dei dubbi e ora non so..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che tiene compagnia! Leggilo e fammi sapere se ti sei trovata d'accordo oppure no con quello che ho scritto, almeno avremo un confronto. :)

      Elimina
  7. Ho letto questo libro tempo fa e non mi ha convinta del tutto. E' stata una lettura iniziata con alte aspettative naufragate con il procedere della storia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei d'accordo? :)
      Grazie per essere passata di qui, Aquila.
      Un abbraccio

      Elimina